Intolleranza al Nichel

 

In caso di intolleranza al nichel, bisogna evitare molti alimenti, come cacao, mandorle, arachidi, nocciole, cornetti...

 


 

Il nichel si nasconde dappertutto, evita i cibi confezionati, che spesso hanno il nichel come residuo, gli alimenti in scatola che assorbono nichel dalla confezione in metallo, evita tutto ciò che non sia conservato in vetro insomma!

Ma se hai una intolleranza al nichel momentanea o permanente, nemmeno i cibi freschi sono sempre sicuri per te, il nichel è un metallo come il ferro e molti alimenti lo contengono naturalmente. Occhio dunque a carote, spinaci, pere, kiwi, prugne, cipolla, lattuga e frutta secca.

 

PRODOTTI DA EVITARE SE SI RISCONTRA QUESTA INTOLLERANZA 
 

- tutti quelli in scatola in genere
- asparagi, funghi
- cipolle, spinaci, pomodori
- lattuga, carote
- legumi, lenticchie
- farina integrale, farina di mais
- cacao
- pere, prugne
- uva passa
- nocciole
- mandorle, arachidi
- tè
- margarina, lievito chimico
- aringhe, ostriche

 

Ci sono alcuni cibi che possono essere consumati  in piccola quantità, e sono:

- cavoli, cetrioli
- farina 00
- riso brillato
- caffè
- olio di oliva
- uova
- frutta (eccetto quella citata in precedenza).

 

Infine gli alimenti che possono essere consumati liberamente:

- tutte le carni
- pesce (tranne aringhe, ostriche)
- latte e derivati
- patate

.

.

E’ sempre importante precisare che chi soffre di intolleranza al nichel da contatto, deve evitare di indossare indumenti o gioielli che contengono nichel ed in particolare deve fare attenzione alla bigiotteria ed usare quella esente da nichel.

 


SettimoLink